Fototerapia

Fototerapia

Come cominciare con la fototerapia? 

Molti di noi soffrono di depressione, disturbo affettivo stagionale e altri disturbi dell'umore. La fototerapia è un modo eccellente per alleviare i sintomi di questi disturbi regolando i modelli di sonno del corpo e i ritmi circadiani.

Molte persone si trovano in uno stato di depressione senza una chiara ragione, che può portare a problemi di salute mentale a lungo termine. Questa condizione è chiamata disturbo depressivo maggiore (MDD).

È importante notare che alcune persone possono essere depresse perché soffrono di un'altra malattia, come il disturbo bipolare o la depressione post-partum.

La fototerapia può essere usata come un trattamento antidepressivo naturale, sicuro ed efficace.

L'esposizione alla luce del sole e ad altri tipi di luce innesca processi chimici nel nostro corpo e ci aiuta a rimanere svegli.

Fototerapia

Le origini della fototerapia:

Le origini della fototerapia risalgono ai primi anni del 1900, quando un medico, il dottor Siegmund Breitbart, iniziò a usare la luce elettrica per trattare la tubercolosi. Ha scoperto che esporre i pazienti a una luce brillante aiutava a migliorare il loro umore e i loro livelli di energia. Negli anni '40, un altro medico, il dottor Alfred Lewy, ha esplorato i benefici della fototerapia per i disturbi dell'umore. Ha scoperto che esporre le persone a una luce brillante durante il giorno potrebbe aiutare a migliorare il loro umore e i loro livelli di energia.

Cos'è la fototerapia e come funziona?

L'idea alla base della fototerapia è che l'esposizione alla luce naturale o artificiale aiuta a regolare i modelli di sonno del corpo e i ritmi circadiani. È importante notare che tutte le nostre cellule hanno un orologio interno, chiamato "ritmo circadiano", che gioca un ruolo importante in molti processi biologici.

La fototerapia usa una luce brillante per sostituire la luce del sole; si pensa che questo attivi certi geni e sostanze chimiche del cervello che possono aiutare ad alleviare i sintomi della depressione come la fatica, la mancanza di appetito e pensieri sul suicidio.

La maggior parte delle forme di fototerapia devono farsi mentre siete seduti o il lavorando vicino a un tipo speciale di lampada con luci LED bianche ad alta intensità. La fototerapia invia più di 3.500 lux (un'unità usata dagli scienziati per misurare la luminosità) attraverso lenti grandi attaccate alla lampada.

Come si può usare la fototerapia per la depressione?

La fototerapia è un modo eccellente per alleviare i sintomi del disturbo depressivo maggiore (TC). 

La chiave della fototerapia è l'esposizione alla luce naturale o artificiale nelle prime ore del mattino, che aiuta a regolare i modelli di sonno del corpo e i ritmi circadiani.

Dovreste usare questa luce per almeno 30 minuti ogni mattina, entro 30 minuti dal risveglio. Se usate una light box, sarà più facile sapere quando la vostra sessione è finita, perché il dispositivo si spegne automaticamente dopo mezz'ora.

Uscire alla luce del sole può essere altrettanto efficace che usare una lampada speciale, ma alcune persone preferiscono non uscire perché possono sentirsi a disagio con il loro aspetto se la loro depressione è abbastanza grave.

Come si può usare la fototerapia per il disturbo affettivo stagionale?

Il Disturbo Affettivo Stagionale (SAD) è un tipo di depressione che spesso si verifica in autunno o in inverno, quando c'è meno luce solare.

I sintomi principali di questo disturbo sono la fatica e la mancanza di interesse nelle attività quotidiane. Le persone con SAD tendono anche a mangiare troppo e ad aumentare di peso durante questi mesi. In alcuni casi, possono anche perdere il sonno

La fototerapia per la SAD invernale è simile alla fototerapia per il disturbo depressivo maggiore: si dovrebbe usare la luce brillante al mattino presto e uscire alla luce naturale del sole quando possibile. Si noti che questa forma di fototerapia sarà efficace solo se l'orologio del corpo segue un ritmo stagionale.

Chi dovrebbe considerare l'uso della fototerapia?

La fototerapia può essere un trattamento efficace per la depressione post-partum (PPD).

I sintomi di questo tipo di depressione sono simili a quelli del disturbo depressivo maggiore. Tuttavia, si sviluppano subito dopo il parto e durano molto più a lungo delle solite quattro o sei settimane per le persone con SAD.

Dovreste considerare l'uso della fototerapia se avete difficoltà a dormire o a concentrarvi sul lavoro a causa di alti livelli di affaticamento. Le donne incinte dovrebbero parlare con il loro medico della fototerapia prima di provarla da sole

Le persone che non rispondono bene ad altri tipi di terapie antidepressive, come gli SSRIS, possono beneficiare della fototerapia.

I vantaggi della fototerapia:

La maggior parte delle forme di fototerapia comporta la seduta o il lavoro vicino a un tipo speciale di lampada con luci LED bianche ad alta intensità. Questo dispositivo invia oltre 3.500 lux (un'unità usata dagli scienziati per misurare la luminosità) attraverso lenti molto grandi attaccate alla lampada.

La fototerapia può aiutare a ridurre i sintomi come l'affaticamento, la mancanza di appetito e i pensieri suicidi.

Il momento migliore della giornata per usare la fototerapia: 

Il momento migliore della giornata per usare la fototerapia è la mattina, entro 30 minuti dal risveglio. La luce del sole del mattino è un modo naturale per aiutare a regolare i modelli di sonno del corpo e i ritmi circadiani.

Come posso massimizzare gli effetti della fototerapia?

Ci sono diverse cose che potete fare per massimizzare gli effetti della fototerapia:

Assicuravi di usare la luce per almeno 30 minuti ogni mattina.

Sedervi o lavorate vicino a un tipo speciale di lampada con luci LED bianche ad alta intensità.

L'esposizione alla luce naturale o artificiale aiuta a regolare i modelli di sonno e i ritmi circadiani del corpo.

Se state pensando di usare la fototerapia per migliorare il vostro umore, ci sono alcune cose da prendere in considerazione. Per prima cosa, consultate il vostro medico per sapere se questo è il trattamento giusto per voi. In secondo luogo, determinate quale tipo di fototerapia è meglio per voi e assicuravi di avere l'attrezzatura necessaria. Infine, fissate obiettivi e aspettative realistiche su come la fototerapia vi aiuterà a migliorare il vostro umore. Con questi consigli in mente, iniziare la fototerapia dovrebbe essere facile ed efficace.

Fototerapia e jet lag:

La fototerapia è anche usata per combattere il jet lag. Il jet lag è un'alterazione del naturale ritmo sonno/veglia del corpo che può verificarsi quando si viaggia attraverso diversi fusi orari. I sintomi includono stanchezza, disorientamento, mal di testa e nausea.

Fototerapia e melatonina:

Un altro vantaggio della fototerapia è che può aiutare ad aumentare la produzione di melatonina. La melatonina è un ormone che aiuta a regolare il sonno, la veglia e alcune malattie neuropsichiatriche.

I diversi prodotti di fototerapia

Lampade:

Le lampade utilizzate per la fototerapia emettono una luce brillante. La luce emessa è bilanciata nello spettro blu e rosso, che si dice sia il più efficace per ripristinare i ritmi circadiani del corpo. Ci sono diversi tipi di lampade per la fototerapia sul mercato, si può anche usare la luce del giorno, ma lo spettro di questa luce non è ottimale per la fototerapia. La luce emessa da questi dispositivi raggiunge direttamente la retina, che stimolerà alcune strutture nel vostro cervello che sono coinvolte nella regolazione dei nostri ritmi circadiani.

Occhiali:

Anche l'uso di occhiali per la fototerapia è un'opzione. Questi occhiali funzionano in modo simile alle lampade, poiché emettono uno spettro di luce equilibrato. La differenza è che la luce viene proiettata direttamente nei tuoi occhi, il che aiuta a resettare i tuoi ritmi circadiani.

Simulatori dell'alba:

I simulatori di alba sono un tipo di dispositivo di fototerapia che simula il sorgere naturale del sole. Questo aumenta lentamente l'intensità della luce del tuo ambiente, che può aiutare a resettare i tuoi ritmi circadiani. Ci sono diversi tipi di simulatori d'alba sul mercato, ma funzionano tutti allo stesso modo. La luce è fioca all'inizio e si intensifica lentamente fino a raggiungere la sua massima luminosità, di solito circa 30 minuti a un'ora dopo il risveglio.

Come si usa la fototerapia per i disturbi del sonno?

Per utilizzare la fototerapia per i disturbi del sonno, è necessario esporsi alla luce per una certa quantità di tempo ogni giorno. La quantità di tempo che passi davanti alla luce varia a seconda del dispositivo che usi, quindi è importante leggere attentamente le istruzioni del produttore. Ci sono alcune regole da seguire quando si usa la fototerapia:

La fototerapia è di solito fatta al mattino, ma alcune persone preferiscono farla più tardi nel corso della giornata o la sera. L'obiettivo principale è quello di farlo in un momento che sia efficace per il tuo corpo e conveniente per te.

Filtri attivi